fbpx
skip to Main Content
info@busturistici.com | segreteria@busturistici.com | presidente@busturistici.com

Il Comitato Bus Turistici Italiani è il primo raggruppamento di aziende del settore in Italia. Una realtà nuova, nata in conseguenza della crisi sanitaria che sta interessando anche l’Italia e che, attualmente, coinvolge già – a pochi giorni dalla sua nascita – oltre cento operatori. Una realtà che, tradotta in numeri, significa più di 25mila posti di lavoro, altrettanti bus che viaggiano sulle strade ed autostrade italiane, 2,5 miliardi annui di fatturato, 1,7 miliardi di chilometri percorsi ogni anno, 450 milioni di litri di carburante consumati. Oltre ad un indotto che comprende guide, accompagnatori, officine, carrozzieri, costruttori, assicurazioni, gommisti, elettrauto e – non ultimo – l’acquisto di mezzi, che ogni anno genera l’immatricolazione di circa 750 bus, con un fatturato totale di circa 220 milioni di euro. Un settore che genera anche importanti ricadute sui bilanci pubblici, se si contano i circa 270 milioni di accise derivanti dall’acquisto di carburanti ed ulteriori 100 milioni di euro incassati direttamente dai comuni attraverso i tickets bus. A causa del coronavirus quello dei bus turistici è stato il primo settore a fermarsi e, presumibilmente, sarà l’ultimo a ripartire. In questo contesto il Comitato nasce proprio con la volontà di dare voce ad un comparto che, al momento, non sembra adeguatamente considerato da Istituzioni ed opinione pubblica.

Back To Top