fbpx
skip to Main Content
info@busturistici.com

A partire dal mese di ottobre non sarà più possibile richiedere all’INPS il pin per accedere ai servizi online offerti dall’Istituto. Si tratta di un ulteriore passo compiuto dalla pubblica amministrazione per effettuare il passaggio alla digitalizzazione; tuttavia, coloro che sono già in possesso del pin potranno continuare ad usufruirne per un lasso di tempo non ancora precisato da parte dell’Istituto.
Lo scopo del passaggio è dato dalla necessità di semplificare i servizi e gli iter burocratici permettendo accesso ai vari servizi con un’unica identità digitale.
Allo stato attuale l’INPS sta comunque procedendo al passaggio verso SPID, un sistema di autenticazione digitale che permette di accedere a tutti i servizi delle PA. Il passaggio da pin a SPID è stato annunciato dall’Istituto con la circolare n.87 del 2020.

Per poter ottenere le credenziali SPID occorre richiedere il rilascio a provider accreditati, tra cui Infocert, Aruba, TimID, PosteID, IntesaID e tanti altri.
In un confronto con l’AGID (Agenzia per l’Italia digitale) e con vari ministeri, l’INPS ha stabilito come data dell’inizio della transizione il primo ottobre. A partire da tale data non verranno rilasciati più i pin INPS, mentre per quelli già in possesso vi sarà una fase transitoria. L’eccezione è rappresentata da coloro che non possono essere in possesso delle credenziali SPID, tra cui i minori di 18 anni e i cittadini extracomunitari, per i quali rimarrà invariato il pin.
Per quanto riguarda le tempistiche, queste saranno rese note con comunicazioni successive dell’INPS stesso.

Per quanto concerne l’iter necessario per l’ottenimento dell’identità digitale SPID è possibile rivolgersi agli identity provider sopracitati che sono accreditati per il rilascio delle credenziali. Normalmente la procedura può essere svolta online, digitando i propri dati (unitamente ad un documento di identità, codice fiscale e tessera sanitaria, numero di cellulare e indirizzo email)  in pochi istanti e ottenere le credenziali SPID nel giro di 24 ore.
La scelta del provider può essere effettuata consultando le pagine del sito SPID o dell’AGID, nel quale vengono “comparati” i vari provider, sebbene normalmente il rilascio delle credenziali è gratuito.
Stando a quanto prevede l’Agenzia delle Entrate, in un prossimo futuro sarà necessario possedere le credenziali SPID per poter usufruire dei servizi online dell’amministrazione finanziaria.

Back To Top