5 Novembre 2021

Dl Milleproroghe: Approvazione definitiva del Senato della Repubblica


Condividi sui social

Come fortemente voluto da An.bti, confermata la disposizione che istituisce un buono per l’abbattimento dei costi sostenuti per il conseguimento delle patenti e delle abilitazioni professionali necessarie per i servizi di trasporto persone e merci.

Via libero definitivo lo scorso 24 febbraio 2022 dall’aula di Palazzo Madama alla legge di conversione del decreto-legge 30 dicembre 2021, n. 228, recante disposizioni urgenti in materia di termini legislativi.

All’articolo 10, comma 3-terdecies, è stata confermata l’istituzione di un fondo denominato “Programma patenti giovani autisti per l’autotrasporto”, con una dotazione pari a 3,7 milioni di euro per l’anno 2022 e a 5,4 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2023 al 2026, finalizzato alla concessione, per il periodo dal 1° luglio 2022 al 31 dicembre 2026, di un contributo, denominato “buono patente autotrasporto”, pari all’80 per cento della spesa sostenuta e comunque di importo non superiore a 2.500 euro, in favore dei cittadini di età compresa fra diciotto e trentacinque anni per il conseguimento della patente e delle abilitazioni professionali per la guida dei veicoli destinati all’esercizio dell’attività di autotrasporto di persone e di merci. Il buono può essere riconosciuto per una sola volta, non costituisce reddito imponibile del beneficiario e non rileva ai fini del computo del valore dell’indicatore della situazione economica equivalente.

Il comparto dei bus turistici rappresenta un’opportunità di formazione professionale e di accesso al mondo del lavoro per migliaia di giovani, inoccupati e disoccupati. Considerando l’elevato costo per il conseguimento della patente di guida D, il riconoscimento di questo importante incentivo darà la spinta necessaria per convogliare la forza lavoro verso il settore.